L’editoriale di oggi

Rotto il paniere di uova, la cosa più sensata è pulirlo e pulire dove le uova hanno colato. Ma perché pulire senza togliere le uova colate?
Questo semplice esempio può far sorridere, perché chiunque, logicamente, per pulire qualcosa se necessario lo toglie. Ma il sorriso può sparire con un pensiero: siamo in Italia. E l’Italia è il paese dove la prima cosa che si cerca di fare è mettere lo sporco sotto il tappeto. O, come nel caso in questione, si cerca di evitare di dimostrare che si è fatta la magagna, cioè si sono rotte le uova. E piuttosto che ammettere di aver fatto qualcosa di sbagliato si arriva perfino a negare l’evidenza.
Naturalmente non si vuole, come logica di lettura porterebbe a pensare, condannare questo tipo di comportamento. Ma scavarci di fianco.
Tutti possono sbagliare, o come si dice in motti e proverbi errare è umano. Ma chissà come mai l’errore porta con se quell’aura di vergogna per cui la prima reazione è la chiusura a riccio, con tanto di aculei ben affilati. Non c’è la tendenza, quando si fa un errore, a capirlo, ad analizzarlo. E se necessario a interiorizzarlo. Magari con l’aiuto di qualcuno…
Se almeno un errore su dieci di quelli che quotidianamente si pongono sulla strada del proprio cammino personale e professionale diventasse oggetto di studio interiore, magari porterebbe altro. Porterebbe giovamento alla propria persona e magari anche a quelle che ci stanno intorno, come i nostri cari e i nostri colleghi. In quale senso? Nella forma di esperienza acquisita che circola liberamente ad uso e consumo di chi ne può avere bisogno.
Insomma, rotte le uova tuorlo e albume cascano per terra. Perché piuttosto di ridere su chi raccoglie la melma di uova in terra non si cerca di evitare che altri caschino scivolando magari dando una mano, nel limite del non finire a fare sempre il buon samaritano? Come mai l’animo umano non può fare a meno di ridere di una disgrazia che capita ad altri? E per concludere, magari con la possibilità di aprire un nuovo dibattito: perché aiutare il proprio prossimo viene passato come un comportamento da cog***ni invadenti e impiccioni?

Annunci
L’editoriale di oggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...